I nostri progetti umanitari in Nepal

Dopo il terremoto

Nepal catastrofico terremoto

Nell'aprile 2015, il Nepal è stato colpito da un catastrofico terremoto, seguito da una serie di gravi scosse di assestamento che ha lasciato una gran parte del paese in rovina. Si stima che a causa del crollo e danneggiamento di oltre 50.000 aule, piu’ 1 milione di bambini persero la possibilita’ di andare a scuola. Dopo la nostra risposta rapida ed efficace alla crisi dell ‘Ebola nell'Africa occidentale, UNICEF ha chiesto a Street Child di contribuire a ripristinare l'istruzione in alcune delle comunità più colpite del paese, collaborando con i partner locali in Nepal. Siamo stati incaricati di ristabilire  l'istruzione a Okhaldhunga, uno dei distretti più difficili e con scarsi aiuti umanitari. Nella prima fase del progetto abbiamo iniziato con la costruzione di 40 scuole temporanee e 24 strutture WASH (acqua, servizi igienici e igiene) per 3.200 bambini di Okhaldhunga. Inoltre, Street Child ha favorito la formazione degli insegnanti in modo che potessero supportare meglio gli alunni traumatizzati.

 

Il nostro lavoro

Street Child ora lavora in quattro distretti del Nepal, Okhaldhunga, Nuwakot, Rasuwa e Sindhuli, sulla costruzione di 120 edifici scolastici e 65 strutture WASH. Inoltre sono stati formati più di 360 insegnanti nella gestione delle crisi, in modo che possano offrire maggiore capacità di recupero nei disastri futuri attraverso un migliore sostegno psicosociale per gli studenti e anche alle provvigioni  WASH. Assicuriamo inoltre che le scuole di tutta la regione ricevano pacchetti educativi in odo da poter offrire una qualità costante dell'istruzione e dell'apprendimento, nonostante i limiti causati delle condizioni circostanti.

 
bambino di scuola Nepal

Il futuro

L'istruzione è una priorità cruciale per il governo nepalese, ma resta ancora molto da fare per garantire l'accesso all'istruzione a lungo termine, sia nelle aree rurali che in quelle urbane. Al momento stiamo indagando su quali comunità nepalesi hanno una maggione necessità  del nostro intervento, in modo da poter sviluppare progetti che consentano a ciascun bambino di andare a scuola.

 
 
Progetti Musahar
 
Progetti Street Child Nepal

Il progetti

Bambini nelle fabbriche di mattoni: i lavoratori migranti  vengono impegati per fabbricare mattoni sei mesi all'anno, e durante questo periodo le loro famiglie vivono nella fabbrica di mattoni. Poiché i loro figli devono spostarsi ogni volta, l'educazione è seriamente compromessa, causando infatti l’abbandono scolastico di molti bambini . Street Child ha recentemente costruito una scuola sicura e a misura di bambino per 25 alunni in una fabbrica di Bhaktapur. La nostra intenzione e’  applicare questo modello di successo ad altre fabbriche in modo da poter  aiutare i 60.000 bambini di muratori nella valle di Kathmandu.

 

Bambini nelle comunità di Musahar: i Musahar soffrono  gravi discriminazioni causati dall’appartenenza alla casta più bassa che li riduce ad essere  imprigionati in schiavitù. Questa è una delle comunità meno sviluppate in Nepal, e specialmente le ragazze sono svantaggiate dalle discriminazioni di casta, classe e genere. Street Child vuole affrontare questo problema attraverso un intervento mirato, progettato per cambiare l'opinione pubblica, combattendo l'emarginazione o Musaharkinderen e liberando la comunità dal lavoro schiavista.

 

Bambini nelle comunità musulmane: la comunità musulmana nel distretto di Rautahat deve fare i conti con uno scenario educativo complesso. Le scuole governative hanno un curriculum minimo che non arriva ad offrire  contenuti e la traduzione di questi nelle lingue corrette, causando in questo modo una oferta educativa limitata nelle madrase. Street Child ha svolto ricerche approfondite nella comunità per comprendere i problemi specifici dei bambini e aumentare così le loro opportunità educative.

 

Bambini con disabilità: la possibilità che i bambini con disabilità vadano a scuola in Nepal è molte volte inferiore a quella dei loro coetanei non disabili. C'è una mancanza di infrastrutture adeguate e c'è pochissima consapevolezza dei loro diritti. Street Child del Nepal ha avviato un progetto per affrontare questi problemi e rompere il ciclo negativo.

 

Bambini in baraccopoli : attualmente circa 900 bambini vivono in squat lungo il fiume Bagmati. A causa dei recenti terremoti e delle loro scosse di assestamento, questi insediamenti sono seriamente sovrappopolati, causando pessime condizioni di vita. Aiutiamo a creare istruzione, assistenza sanitaria e infrastrutture al fine di risolvere gli abbandoni scolastici, il lavoro minorile e migliorare la sicurezza a scuola.